Canapaland Sanremo

Il CBD è apparso nei nostri negozi, negozi online e titoli di notizie quasi da un giorno all'altro. Tuttavia, lo slancio dietro di esso si era sviluppato per molti anni. Per capire l'enorme richiesta e da dove proviene, osserviamo gli alti e bassi, i divieti e le autorizzazioni della sua storia turbolenta e affascinante.

Cosa significa CBD?

Il CBD si riferisce al cannabidiolo. È uno degli oltre 100 cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis ed è il secondo cannabinoide più abbondante dopo il tetraidrocannabinolo (THC). In Italia e altrove, il CBD è diventato l'integratore più discusso negli ultimi anni.

È noto per migliorare la salute e il benessere generale. Il CBD è presente nella canapa, una varietà di cannabis a basso contenuto di THC.

Sullo sfondo di un divieto

La canapa ha una lunga storia di uso commerciale, oltre a quella di erbe e alimenti utili. La parola "tela" ha le sue origini in "cannabis" a causa dell'uso di fibre di canapa in tela per vele e corda.

Tuttavia, nonostante le sue numerose applicazioni in passato, tra cui carta, olio e abbigliamento e il suo potenziale per il futuro, nei materiali da costruzione e nei biocarburanti, ha avuto una reputazione costantemente negativa. Negli ultimi secoli la cannabis è stata vietata, in qualche modo, in tutto il mondo.

Mentre la canapa non ha le stesse qualità inebrianti della cannabis, le autorità spesso non riescono a vedere la differenza, con il risultato che la sua coltivazione è proibita, limitata o controllata.

L'isolamento dei fitocannabinoidi

Canapaland SanremoLa ricerca sui componenti della cannabis è stata condotta a intermittenza per oltre un secolo. Verso la fine del XIX secolo, il cannabinolo (CBN) è stato il primo dei fitocannabinoidi (cannabinoidi vegetali) ad essere isolato (Cadena, 2019).

Molto più tardi negli anni '30, la sua struttura fu scoperta da RS Cahn (Birnbaum & Leinow, 2017). Ciò ha contribuito a creare un'immagine di come funzionano i cannabinoidi. Tuttavia, c'era ancora poca comprensione di quali molecole si potevano trovare nella cannabis e cosa facessero.

Il CBD fu isolato dalla cannabis nel 1940 da R. Adams e dai suoi colleghi negli Stati Uniti. Tuttavia, l'attenzione che ricevette fu di breve durata. Il THC fu estratto nel 1942 e divenne famoso come il più potente, abbondante e attivo dei cannabinoidi (Cadena, 2019).

Nel 1963, il chimico israeliano Dr Raphael Mechoulam ebbe successo nei suoi sforzi per descrivere la struttura e la chimica del cannabidiolo. A causa dell'attenzione sul THC come il più "psicoattivo", il CBD è stato messo da parte come un "precursore non attivo del THC" (Birnbaum e Leinow, 2017).

La ricerca dettagliata sulla cannabis e i suoi componenti era complicata quando era attivamente vietata nella maggior parte dei paesi. Non solo le opportunità erano limitate, ma l'opinione schiacciante della comunità farmaceutica era che il futuro della cannabis risiedesse nei "suoi componenti isolati, i cannabinoidi e i loro derivati sintetici" (Institute of Medicine, 1999).

Ciò significava che la ricerca si concentrava spesso sui mattoni chimici della pianta e su come potevano essere usati altrove, piuttosto che su come interagivano naturalmente tra loro e con il cervello dei mammiferi.